• L’Olio d'Oliva

L’Olio d'Oliva

Tra i vari condimenti, l’olio d’olivo è il più conosciuto e usato nel mondo. Grazie alle sue proprietà benefiche e al suo sapore, è il condimento perfetto per insaporire tutti i pasti che consumiamo durante la giornata, da un salsa di pomodoro, ad una semplice insalata oppure ad un dolce dietetico, senza il bisogno di aggiungere il burro. L’olio d’olivo è un condimento essenziale nella cucina italiana, dove la tradizione vuole che, soprattutto al sud, si faccia in casa con le proprie olive, cosa che gli conferisce un sapore unico e rinomato. Qualsiasi persona derivi dalla regione Mediterranea vi dirà che l’olio d’olivo è ottimo e ha molti benefici per la nostra salute, ma è la stessa cosa dell’olio extra vergine d’oliva? Vediamo allora il confronto, e come l’olio può aiutare il nostro stile di vita.

Prima di tutto le proprietà anti-infiammatorie:
La qualità della produzione dell’olio soprattutto nel processo di pressatura, fa davvero la differenza quando si parla di sortire benefici per la nostra salute. Degli studi recenti hanno paragonato l’effetto anti-infiammatorio dell’olio extra vergine di oliva ottenuto dalla prima pressatura delle olive, e quello ottenuto dalla pressatura che avviene in un secondo momento. La ricerca ha dimostrato che l’olio extra vergine d’oliva aveva una grande capacità di abbassare gli elementi infiammatori presenti nel sangue, cosa che l’olio d’oliva normale non faceva così efficacemente.

Gli studi sulla dieta mediterranea hanno da sempre associato l’olio d’oliva con la diminuzione del rischio di infarti. Attualmente uno studio ci ha fornito interessanti spiegazioni sulle proprietà cardio-protettive dell’olio. Una delle chiavi polifeniche dell’olio d’oliva, hydroxytyrosol (HT), aiuta le cellule presenti nei vasi sanguigni del nostro corpo a non essere danneggiate dalle molecole di ossigeno reattive in sovrannumero. HP aiuta a proteggere le cellule dei vasi sanguigni innescando dei cambi a livello genetico, cambi che una volta innescati aiutano le cellule dei vasi sanguigni ad alzare il loro sistema di difesa antiossidante.

La prevenzione del cancro poi, è stata una delle aeree di ricerca più attive riguardo l’olio d’oliva, e i vari studiosi non sono più in dubbio riguardo i benefici per la salute dell’olio d'oliva in relazione al cancro. Venticinque studi sull'assunzione di olio d'oliva e di rischi, tra cui il cancro, e la maggior parte degli studi umani su larga scala condotti durante il 2010, sono stati recentemente analizzati da un team di ricercatori presso l'Istituto di Ricerche Farmacologiche di Milano Mario Negri, che hanno confermato le ricerche e gli studi fatti sin’ ora. Leggi quì.

Dopo aver indicato il grande valore di questo importante condimento, cerchiamo di capire come scegliere quello giusto. Le caratteristiche organolettiche dell'olio sono abbastanza facili, perché l'olio extravergine è prodotto tramite fermentazione o altri processi in grado di conferire aromi secondari. L’olio deve avere l’aroma dell’oliva verde, ovvero di erba tagliata, carciofo crudo oppure talvolta può essere pomodoro verde, mandorla o mela. Se non c'è il sapore verde, allora molto probabilmente l’olio non è di buona qualità, quindi faremmo meglio a non sceglierlo. Se abbiamo la possibilità di provarlo, su un cucchiaino, deve essere amaro e piccante: Un segreto, se pizzica la gola, vuol dire che le olive sono state appena raccolte dalla terra, quindi possiamo essere sicuri di scegliere quello giusto.

Tags correlati

olio di oliva extravergine condimento caratteristiche olio

Commenti

Nota: Il commento deve essere compreso tra 25 e 100 caratteri!